nocciole-e1335951662182

Incontro Ue-Turchia: Fedagri a Salerno per il summit

Tavolo tecnico Internazionale sulla Produzione delle Nocciole in Europa ed in Turchia.

Si è tenuto venerdì 3 ottobre 2014, presso il Grand Hotel di Salerno, un summit sulle nocciole tra i Paesi dell’Unione Europea e la Turchia, uno dei principali esportatori. Un appuntamento importante, nonché annuale che favorisce la diffusione delle informazioni sugli andamenti produttivi del settore , utile ad un confronto sull'armonizzazione delle regole fra l'Unione Europea e la Turchia.
L’incontro, organizzato da Agrinsieme (il coordinamento tra Alleanza delle Cooperative, Cia e Confagricoltura) ha illustrato l’andamento della campagna corilicola 2013-2014, lanciando uno sguardo agli scenari più prossimi. L’incontro ha reso possibile l’analisi dettagliata dei dati di produzione, l’andamento dei prezzi, le politiche di esportazione ed importazione. A margine del summit è possibile tracciare alcune linee guida ma soprattutto effettuare un bilancio: la Turchia è il primo produttore mondiale e l'Italia, pur essendo il primo produttore europeo di nocciole, ha un bilancio negativo con l'estero, come sottolineato da Agrinsieme. tuttavia cresce l'export a fronte di una sempre crescente domanda. Il settore, infatti, è in forte espansione ed i prezzi sono in salita: elementi che favoriscono una forte ripresa di tale settore. Quest’ultimo non rappresenta un dettaglio trascurabile, utile infatti a riconvertire, nelle aree vocate, colture che non danno soddisfazione.
Alla riunione hanno preso parte le delegazioni di Italia, Turchia Francia e Spagna, e i rappresentanti della Commissione europea della DG Agri e DG Sanco. "La domanda mondiale di nocciole è in crescita. Scambiarci impressioni e tessere alleanze – ha spiegato Giuseppe Russo, presidente nazionale della Federazione frutta in guscio di Confagricoltura, presentando la situazione italiana del settore - sulle strategie da attuare sulle nocciole è diventato fondamentale. E' importante collaborare per promuovere questo prodotto trovando spazi per progetti comuni sull'innovazione e la promozione".
“Dopo tanti sforzi siamo riusciti, anche insieme al Coordinamento di Agrinsieme, a veicolare a Salerno un appuntamento di punta per la corilicoltura - dichiara Alfonso Di Massa, presidente della Fedagri Campania - Per la nostra regione e per la città di Salerno è un motivo di soddisfazione, visto che il convegno è sempre conteso tra i Paesi comunitari. Ma anche un momento di scambio e di intenso ragionamento, specie riguardo alle strategie da attuare da qui a qualche anno”.
Presenti tra gli altri: il responsabile tecnico Gianluca Griseri dell'Ascopiemonte, il Presidente nazionale della Federazione frutta in guscio di Confagricoltura Giuseppe Russo (che cura gli aspetti organizzativi ed associativi, assiste e tutela le aziende agricole provinciali le quali perseguono un indirizzo economico legato alla coltivazione di frutta secca), Emre Orhun Oztelli del Ministero dell’Economia della Turchia.

Posted in Senza categoria and tagged , , , .
de_luca_ministro_agricoltura_1

Ministro Martina in visita a Salerno.

Ministro Martina a Salerno: “In questo territorio c’è un pezzo di futuro agroalimentare”

"In questo territorio c'è un pezzo di futuro agroalimentare"
Il Ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina fa tappa a Salerno e incontra il primo cittadino al Centro Agroalimentare
Il Ministro delle Politiche Agricole, Maurizio Martina, in compagnia del Sindaco di Salerno Vincenzo De Luca, il 23 settembre 2014 ha fatto visita al Centro Agroalimentare sito presso la zona industriale di Salerno.
Un territorio ricchissimo per l'agricoltura: è questo uno dei dati certamente non trascurabile, emerso nell’ambito dell’incontro. Inoltre, il distretto agroindustriale della provincia di Salerno, come sottolineato dal sindaco De Luca, è tra i più importanti d'Europa. Pertanto se si immagina di sviluppare ulteriormente lo stesso Centro Agroalimentare salernitano, non solo per quanto riguarda il settore dell'ortofrutta e il mercato ittico, ma anche per la floricoltura, esso potrebbe diventare un terminale importante per le produzioni.

"Con il Ministro dell'Agricoltura Maurizio Martina ho parlato di alcune emergenze che abbiamo nei nostri territori - ha commentato il primo cittadino a margine della visita - Alcune sono legate alla ‎Terra dei Fuochi e in generale al problema ambientale, che sta diventando un alibi per scatenare delle vere e proprie guerre commerciali contro le nostre produzioni: possiamo difenderci solo con la tracciabilità dei prodotti, dando ai consumatori l'assoluta garanzia della provenienza e della qualità degli stessi".

"Siamo qui per dire che in questo territorio c'è un pezzo di futuro agroalimentare, non solo campano ma italiano. Ci sono produzioni di qualità, ci sono aziende che sono radicate nel territorio e aziende di eccellenza. Il nostro obiettivo fondamentale e quello di fare insieme un lavoro di squadra per aiutare queste aziende anche a creare nuova occupazione", ha esordito il Ministro Martina, lieto del fatto che in poche settimane di lavoro sia stato fissato un punto definitivo sulla annosa questione della filiera bufalina, della divisione degli impianti . “ Una grande questione che tenevamo aperta da 8 anni e che non si risolveva. Abbiamo fatto un buon lavoro che mette un punto fermo e che aiuta le aziende ad essere sicure di quello che devono fare" ha dichiarato il Ministro.

Posted in Senza categoria and tagged , , , , , , , .